Boldini Vini

Boldini Vini

Filtra
      11 prodotti

      11 prodotti


      Era il 2014 quando un gruppo di persone radunate attorno al lago Sambrog prese parte a una scena surreale. Dalle acque grigie del lago alpino, a un'altitudine di 2076 metri, lentamente emergeva un'enorme botte, sollevata con l'aiuto di un elicottero.

      Non si stava assistendo a qualche improbabile perfomance di land art, bensì alla geniale trovata del fondatore delle cantine Boldini, Eligio Boldini. In questo modo, Eligio - Ligio per gli amici - intendeva non solo promuovere il suo esclusivo Brandy di Cama, ma anche il territorio dove la sua avventura è nata e continua a crescere: la Mesolcina. E per farlo, ha dato una pennellata di creatività a uno dei luoghi più pittoreschi della regione, la Val Cama. Nel gelido lago Sambrog, Ligio ha fatto invecchiare il suo brandy per ben tre anni, chiedendosi ogni giorno cosa ne sarebbe stato di quell'iniziativa tanto originale. Ebbene, il risultato è stato ottimo, e non solo dal punto di vista gustativo. La trovata di Ligio, con le incredibili immagini della botte che spunta dall'acqua del lago racchiuso tra i pendii rocciosi della Val Cama, è stata riportata da numerosi giornali, facendo risuonare nelle orecchie dei lettori il nome di un luogo tanto bello quanto spesso ignorato: Sambrog.

      Fin dall’inizio, quella delle Cantine Boldini è stata una vera e propria scommessa. Negli anni '80 Ligio decide di abbandonare il posto sicuro per avventurarsi nella viticultura. L’idea era quella di ristrutturare la casa degli avi a Monticello, frazione di San Vittore, e di dissodare il terreno lungo la collina circostante situata a 380 metri, per insediarvi un nuovo vigneto. E così è stato. Nel corso degli anni, grazie anche all'aiuto della moglie Laila, la mente organizzativa e meticolosa dell'iniziativa, quella che era un'avventura si è trasformata in una vera e propria impresa che oggi vanta 35mila metri quadri di terreno coltivato e oltre 40mila bottiglie di vino prodotte all'anno. 

      Una bella vittoria per i signori Boldini e per la Mesolcina intera, i cui frutti sono oggi assaporati e apprezzati in tutta la Svizzera e non solo.